9 Novembre 2015

Chi è l’uomo? Cos’è una famiglia?
Riprendendo il filosofo e saggista francese Fabrice Hadjadj, si potrebbe rispondere che le due domande sono così elementari da chiedersi se debbano essere poste. Infatti, «fino a qualche tempo fa la risposta era talmente ovvia. Ma oggi, con la propaganda del “matrimonio per tutti”, la diffusione delle teorie del gender e l’invasione della tecnologia per produrre individui preselezionati, niente va dato per scontato».
In particolare, contro l’uomo e contro il principio di realtà si sta insinuando una suggestione che porta in sé qualcosa di vero, ma che si fa equivoca proprio puntando sui desideri: “io sono come mi percepisco, la realtà si sostanzia dei miei desideri e nelle mie percezioni”.
Questa suggestione, piano piano, sta arrivando a investire anche la legislazione italiana con il tentativo di far approvare alcune leggi (ad esempio, ddl Cirinnà, Fedeli, Scalfarotto), presentate come necessarie per favorire la tolleranza, il rispetto e la convivenza pacifica. Ma è proprio così?
Per conoscere quanto sta avvenendo e la posta in gioco in questo passaggio epocale della nostra storia un gruppo di associazioni, che vanno dal mondo della famiglia a quello della scuola, dalla cultura al diritto, oltre a enti ecclesiastici e istituti scolastici di Como e provincia, ha invitato l’Avv. Gianfranco Amato in un incontro che si terrà lunedì 9 novembre, alle ore 21, presso l’Auditorium del Collegio Gallio.

Gianfranco Amato, nato a Varese nel 1961, esercita la professione di avvocato dal 1988 e opera attivamente nel campo della bioetica. È presidente nazionale dell’organizzazione Giuristi per la Vita e membro del Comitato “Difendiamo i nostri figli”. A livello internazionale è consulente legale dell’organizzazione britannica CORE Comment on Reproductive Ethics, per conto della quale coopera in azioni legali su tematiche bioetiche, e collaboratore dell’organizzazione statunitense A.D.F. Alliance Defending Freedom, composta da avvocati che si occupano di libertà religiosa e bioetica.
Il 21 settembre 2015 ha ottenuto il premio internazionale all’Impegno Sociale 2015, intitolato alla memoria dei giudici Rosario Livatino, Antonino Saetta e Gaetano Costa e conferito a coloro che si battono per un impegno sociale improntato ai valori della vita, della giustizia, della verità e della fede, in difesa della legalità, del rispetto delle regole, della divulgazione di un’informazione libera e corretta.
Collabora con testate giornalistiche e ha pubblicato diversi libri tra i quali Gender (d)Istruzione. Le nuove forme di indottrinamento nelle scuole italiane (2015).

VIDEO

Senza domande finali

Con domande finali

Coordinate incontro

Titolo
  Chi è l’uomo? Realtà e desideri. Famiglia, figli, educazione: le nuove sfide
Data
 
lunedì 9 novembre 2015, ore 21
Sede
  Auditorium Collegio Gallio Como
Relatore  Gianfranco Amato, presidente Giuristi per la vita
Ente organizzatore  Centro culturale Paolo VI
Enti in collaborazione  Amici del Canossa, Afi – Associazione delle Famiglie Confederazione Italiana / sezione di Cermenate, Age Grandate, Agesc Como, Alleanza Cattolica, Famiglie Numerose Cattoliche, Fism Como, Giuristi per la Vita, Istituto Matilde Di Canossa, Istituto Scolastico Cardinal Ferrari, La Manif Pour Tous Bassa Comasca, Nonni 2.0, Opera Don Guanella, Pontifico Collegio Gallio, Rinnovamento nello Spirito, Scienza&Vita Bassa Comasca

Condividi: