Inizia il 40° anno del Centro culturale Paolo VI.

Sabato 21 settembre 2019  sarà con noi padre Bernardo Cervellera, direttore di AsiaNews, su Le proteste di Hong Kong. Il futuro della Cina.
Riprendiamo poi il tema “persona uomo-donna” e “famiglia”: martedì 12 novembre con Alberto Frigerio, docente di Bioetica, e martedì 26 novembre con Raffaele Chiarulli, docente di Culture della comunicazione. Entrambi gli incontri sono presso l’Auditorium Don  Guanella di Como, alle ore 21.
Sempre a novembre, sabato 23, nel pomeriggio, un evento dedicato ai bambini/ragazzi dai 6 ai 12 anni per chiudere i 500 anni di Leonardo, Entriamo nell’opera! Alla scoperta del genio di Leonardo da Vinci attraverso curiosi laboratori e una esperienza unica di living art.

E per il 2020… Si inizia con la tradizionale Cena&canti, sabato 25 gennaio, ore 19.15, nel salone polifunzionale di San Fermo.
Martedì 24 marzo, per la Giornata mondiale in memoria dei martiri missionari, testimonianza di Mons. Robert Jarjis, vescovo ausiliare di Baghdad, in cattedrale di Como, insieme a padre Bernardo Cervellera.
E ancora, nell’anno di Raffaello abbiamo invitato don Andrea Straffi. Seguirà la visita alla Pinacoteca Ambrosiana e al cartone de La scuola di Atene, da poco restaurato.
Non può mancare il ricordo di Giovanni Testori, che inaugurò il Centro culturale il 6 maggio 1980: (ri)proponiamo nello stesso luogo di quella prima, la chiesa di San Giacomo in Como, sabato 4 aprile, alle ore 21, una delle sue opere teatrali più suggestive e commoventi, il Factum est.
E per i 250 anni di Beethoven, insieme al Teatro Sociale di Como, che presenta un concerto con la Sinfonia n. 3, Eroica, introduciamo l’opera, sabato 2 maggio, alle ore 18, con una Guida all’ascolto del m.° Roberto Andreoni.

Altre iniziative sono in corso di definizione.


Ho cercato me stesso.
Non si cerca che questo.
Cesare Pavese, Dialoghi con Leucò

La vera cultura è lo sforzo, la fatica, la rivoluzione di tutte le mattine, che è riscoperta del proprio rapporto con Cristo, con Dio e, quindi, con gli uomini.
La cultura ufficiale snobbi pure questa cultura.
Ma la vera rivoluzione si fa ogni giorno in questo riconoscersi figli del Padre.
Questo conferirà, alla lunga, un senso reale anche alla storia, alla giustizia sociale, alla legge.
Giovanni Testori, Inaugurazione Centro culturale Paolo VI 6 maggio 1980

Condividi: